Discussione:
Big Data e privacy
(troppo vecchio per rispondere)
Lidrie
2017-06-20 08:22:46 UTC
Permalink
Lettura interessante su come viene rispettata la privacy oltre Atlantico:
http://securityaffairs.co/wordpress/60243/data-breach/dra-data-leak.html

Chi ci dice che non avvenga anche per i nostri dati?
Chi ci dice che non avvenga già anche da noi (Italia, Europa)?

Non sarebbe il minimo pretendere che violazioni di questo tipo siano
sottoposte a conseguenze predefinite nelle sanzioni e nei tempi, come si
fa con i SLA nei contratti di fornitura tra privati?
Una specie di licenza: vuoi operare sul mio territorio? Allora queste sono
le regole e queste le conseguenze se sgarri; e queste altre le procedure
per permettermi di controllare quello che fai.
Perché il contrario, il diritto che insegue l'evoluzione digitale, lo vedo
sempre come il classico cancello che si chiude dopo l'uscita dei buoi.




F/up
--
Sans
ObiWan
2017-06-20 13:01:54 UTC
Permalink
:: On Tue, 20 Jun 2017 10:22:46 +0200
:: (it.comp.sicurezza.varie,it.diritto.internet)
Post by Lidrie
Lettura interessante su come viene rispettata la privacy oltre
http://securityaffairs.co/wordpress/60243/data-breach/dra-data-leak.html
Chi ci dice che non avvenga anche per i nostri dati?
nessuno, infatti NON avviene; se arriva qualcuno di FBI o altra agenzia
presso un hosting provider USA, quest'ultimo deve sottostare alle leggi
del paese in cui si trova, mica a quelle dei paesi di coloro che hanno
memorizzato i propri dati sui server dell'hosting.

Internet è un concetto o comunque un oggetto virtuale che non ha alcun
tipo di confini, d'altro canto i server fisici di internet risiedono in
varie parti del mondo e sono soggetti alle leggi vigenti nel paese nel
quale sono.

--
When freedom is outlawed, outlaws are free
Lidrie
2017-06-20 14:47:53 UTC
Permalink
Post by ObiWan
presso un hosting provider USA, quest'ultimo deve sottostare alle leggi
del paese in cui si trova, mica a quelle dei paesi di coloro che hanno
memorizzato i propri dati sui server dell'hosting.
Internet è un concetto o comunque un oggetto virtuale che non ha alcun
tipo di confini, d'altro canto i server fisici di internet risiedono in
varie parti del mondo e sono soggetti alle leggi vigenti nel paese nel
quale sono.
Certamente, suppongo sia un concetto acquisito da almeno un ventennio.
Quello che volevo sottolineare con "il diritto che insegue l'evoluzione
digitale" era l'urgenza di cambiare paradigma nel diritto che ha a che
fare con internet, database, social, etc.
Il diritto classico si è evoluto dal e nel concreto territorio cui
applicarlo, con tempi compatibili col presentarsi delle novità, mentre
l'ambito digitale IMHO deve avere un corpus che copra tutta l'area dove
opera il digitale, ovvero un diritto digitale mondiale. Esattamente per il
motivo che l'accessibilità, le azioni (elaborazioni), le conseguenze, su
persone e cose, può avvenire in tutto il pianeta senza alcuna
intermediazione o filtro dovuti ai diritti nazionali.
--
Sans

http://instantrimshot.com/index.php?sound=reveille&play=true
John Smith
2017-06-21 14:13:10 UTC
Permalink
Post by Lidrie
http://securityaffairs.co/wordpress/60243/data-breach/dra-data-leak.html
Chi ci dice che non avvenga anche per i nostri dati?
Chi ci dice che non avvenga già anche da noi (Italia, Europa)?
Teoricamente da noi ci saranno le tutele del GDPR, rimane valido, IMHO,
il discorso che se usiamo servizi da altre parti del mondo li' le regole
possano essere diverse (e lo saranno).

M.
--
Credo che l'unica cosa da fare sia non prendersi troppo sul serio,
ridersi addosso, e sorridere spesso, così le rughe andranno nei posti
giusti....
(A. Vincenzi)
Continua a leggere su narkive:
Loading...