Discussione:
"carta nazionale dei servizi" plurime
(troppo vecchio per rispondere)
tets
2015-12-12 06:33:53 UTC
Permalink
Due "carte nazionale dei servizi" emesse da due amministrazioni diverse
sono interscambiali? cioè consentono di accedere indefferentemente ai
servizi delle due amministrazioni?
NomeVeloce
2015-12-14 11:41:53 UTC
Permalink
Post by tets
Due "carte nazionale dei servizi" emesse da due amministrazioni diverse
sono interscambiali? cioè consentono di accedere indefferentemente ai
servizi delle due amministrazioni?
Certo! Dopo che è stata attivata la CNS permette di autenticarsi su
tutti i sistemi della pubblica amministrazione che supportano la carta:
è come una carta d'identità.
L'unico requisito è che l'amministrazione a cui si vuole accedere abbia
il software: questo varia parecchio a livello geografico. Però se lo
hanno legge la carta che funziona anche nei sistemi INPS, INAIL,
ognialtroufficio...

Anche perché ogni cittadino di carta ne può avere una sola per volta.
tets
2015-12-14 12:18:37 UTC
Permalink
Post by NomeVeloce
Anche perché ogni cittadino di carta ne può avere una sola per volta.
Sicuro, io scrivero proprio perché ad una persona gliene fatta
sottoscrivere una seconda per accedere ad una altra amministrazione. E
ora ne avrà due.
NomeVeloce
2015-12-15 09:55:11 UTC
Permalink
Post by tets
Post by NomeVeloce
Anche perché ogni cittadino di carta ne può avere una sola per volta.
Sicuro, io scrivero proprio perché ad una persona gliene fatta
sottoscrivere una seconda per accedere ad una altra amministrazione. E
ora ne avrà due.
Cosa?
Ma cosa vuol dire? Una persona che aveva già la CNS ha dovuto/potuto
farsi rilasciare un'altra CNS da un'altra amministrazione (diversa da
quella che aveva rilasciato la prima)?
Mi sembra una cosa pazzesca! Bisogna capire bene tutti i dettagli:
potrebbe essere una tessera con lo stesso certificato della prima
tessera (quindi un duplicato; la cui utilità mi è ignota se non è stata
smarrita l'originale), oppure una tessera con un certificato diverso
associato allo stesso utente (ed allora è un 'casino'. In questo caso il
cittadino ha due tessere valide, diverse, associate entrambe a sé stesso.)
Che senso avrebbe?
Un modo di operare potrebbe essere questo: accedere al sistema
dell'amministrazione A, alla richiesta della carta inserire nel lettore
la carta rilasciata dall'amministrazione B ed il pin B. Se funziona
tutto (come DOVREBBE essere) disconnettersi. Poi accedere al sistema
dell'amministrazione B, alla richiesta della carta inserire nel lettore
la carta rilasciata dall'amministrazione A ed il pin A. Se funziona
tutto disconnettersi.
A questo punto sappiamo esattamente il tipo di 'casino' e possiamo:
1- ignorarlo
2- comunicarlo a Qualcuno

Attendo con curiosità l'evolversi della situazione.

P.S. - Per curiosità, se è possibile: quali sono le amministrazioni
coinvolte?
GIulia
2015-12-15 20:26:18 UTC
Permalink
Post by NomeVeloce
Anche perché ogni cittadino di carta ne può avere una sola per volta.
Non mi risulta , ovvero per la cns che conosco non ci sono questi requisiti (le regionali e la carta di identita).
E a dirla tutta e' un requisito che non avrebbe nemmeno molto senso.

Giulia
NomeVeloce
2015-12-16 10:35:49 UTC
Permalink
Post by GIulia
Post by NomeVeloce
Anche perché ogni cittadino di carta ne può avere una sola per volta.
Non mi risulta , ovvero per la cns che conosco non ci sono questi
requisiti (le regionali e la carta di identita).
E a dirla tutta e' un requisito che non avrebbe nemmeno molto senso.
Giulia
Sei sicura? Ero convinto del contrario.
Pensavo che in Italia solo le regioni emettessero i token delle carte
dei servizi, e quindi garantissero che ogni persona potesse avere al
massimo un certificato non scaduto alla volta.
Che senso ha emettere più certificati per la stessa persona? Un solo
certificato, se è valido, dovrebbe essere presente su tutti i sistemi
delle pubbliche amministrazioni.

Altrimenti il sistema dell'Inps potrebbe avere solo il mio certificato
firmato da Verizon, io accedo con la mia password firmata da Infocert e
lui mi negherebbe l'accesso. Poi io mi collego alle poste e riesco ad
accedere. Mi collego al sito del comune e lui, che il mio certificato
Verizon lo ha, mi fa entrare. Non ha senso.
A questo punto è peggio di avere ogni sistema con un server delle
password. Ed ogni utente con un foglio (od un file) delle password.
GIulia
2015-12-16 18:27:58 UTC
Permalink
Che senso ha emettere più certificati per la stessa persona? Un solo certificato, se è valido, dovrebbe essere presente su tutti i sistemi delle pubbliche
amministrazioni.
Altrimenti il sistema dell'Inps potrebbe avere solo il mio certificato firmato da Verizon, io accedo con la mia password firmata da Infocert e lui mi negherebbe
l'accesso. Poi io mi collego alle poste e riesco ad accedere. Mi collego al sito del comune e lui, che il mio certificato Verizon lo ha, mi fa entrare. Non ha
senso.
A questo punto è peggio di avere ogni sistema con un server delle password. Ed ogni utente con un foglio (od un file) delle password.
Non hai chiaro come funziona la firma digitale direi!!

(E sopratutto cosa c'e' dentro la tessera)

Giulia
NomeVeloce
2015-12-17 09:17:51 UTC
Permalink
Post by GIulia
Non hai chiaro come funziona la firma digitale direi!!
(E sopratutto cosa c'e' dentro la tessera)
Giulia
La CNS permette di firmare digitalmente? Pensavo che i token delle
camere di commercio per la firma digitale non fossero carte dei servizi.

Ma quindi con la mia CNS attivata io potrei firmare che so... il
testamento? Con che programma? Io il lettore l'ho già ma lo uso solo
sulle applicazioni web.

È interessante.
Ragnarok
2015-12-17 22:22:26 UTC
Permalink
Post by NomeVeloce
Ma quindi con la mia CNS attivata io potrei firmare che so... il
testamento?
Il testamento deve essere olografo, a meno che tu non sia un notaio e
firmi i testamenti degli altri.
NomeVeloce
2015-12-18 08:54:23 UTC
Permalink
Post by Ragnarok
Post by NomeVeloce
Ma quindi con la mia CNS attivata io potrei firmare che so... il
testamento?
Il testamento deve essere olografo, a meno che tu non sia un notaio e
firmi i testamenti degli altri.
Questo non lo sapevo. Quindi un testamento deve essere sempre scritto a
penna se non autenticato dal notaio, giusto?

Ma una qualsiasi scrittura privata potrebbe essere firmata con la CNS?

Per esempio una diffida ad un vicino di casa, un'autocertificazione?

Io ho sempre usato GPG per inviare documenti, ma questo sistema non ha
valore legale in Italia mi ha detto un mio prof dell'università.
Continua a leggere su narkive:
Loading...